Rapporti fra giudice della cognizione penale, Pubblico Ministero e Magistratura di Sorveglianza

//Rapporti fra giudice della cognizione penale, Pubblico Ministero e Magistratura di Sorveglianza
locandina-penale-1-febbraio-2019

La materia dell’esecuzione della pena è stata di recente profondamente innovata con l’entrata in vigore nel settembre del 2018 di nuove e ampie disposizioni relative sia alle regole del procedimento di sorveglianza che a quelle più strettamente riguardanti la vita e  il lavoro in carcere. Ma al di là dello studio delle modifiche legislative, appare sempre più necessario attuare attraverso il momento formativo, un collegamento culturale  tra in tutti i soggetti istituzionali che sovrintendono all’esecuzione della pena garantendone la certezza ed il fine rieducativo:  il Pubblico Ministero, il giudice di cognizione e dell’esecuzione penale, la Magistratura di sorveglianza, quest’ultima, deputata alla valutazione dei benefici penitenziari ed ultima garante del rispetto delle regole carcerarie.

Superare la cesura esistente fra queste così diverse e apparentemente antitetiche realtà istituzionali è quanto si propone di fare questo corso organizzato dalla Formazione decentrata di Milano  della Scuola Superiore della magistratura dedicato ai rapporti tra cognizione, esecuzione e sorveglianza e alle novità apportate dai decreti legislativi nn. 123 e 124 del 2018 , che si terrà nell’Aula  Magna del Palazzo di Giustizia di Milano il giorno 1 febbraio 2019  e che consiglio vivamente a tutti i partecipanti del progetto Tutor Magistralis che siano anche tirocinanti e/o avvocati in Milano. E’ infatti l’occasione per avvicinarsi ad una realtà giudiziaria poco conosciuta ai più e che andrebbe invece approfondita sia dal punto di vista scientifico che sociologico, come, peraltro, Tutor Magistralis si accingerà a fare in vista dell’apertura su questo sito di un Osservatorio dedicato alla giurisdizione della rieducazione. Non mancate …

2019-02-04T22:12:06+01:00

Questo sito web usa cookie e servizi di terze parti. Privacy Policy

Ok